Vademecum per la scelta di un buon avvocato: le 6 regole.

Riprendiamo le “6 regole d’oro” che dovete tenere a mente, quando vi approcciate ad un professionista

  1. Quale sia il Vostro bisogno/obiettivo che volete soddisfare ovvero raggiungere.

  2. Chi è il professionista preposto a soddisfarlo .

  3. Studiare le tempistiche per il raggiungimento .

  1. Quali strumenti vi propongono per il raggiungimento del vostro fine .

  2. Valutare sempre più di una offerta (visto che ne abbiamo l’opportunità perché non farlo) .

  3. E sopratutto fuggite dai millantatori, coloro che vi vendono fumo .

Avete un pignoramento di un’immobile, o vi hanno colto in flagranza di reato a denigrare un soggetto o peggio ancora a spacciare… ?

Be’ per qualsiasi tipologia di assistenza abbiate bisogno , sappiate che vi è un avvocato preposto a fare solo quello .

Con ciò voglio dire che con una offerta così ricca , ed una sovraesposizione di dati ed informazioni , sarebbe davvero sciocco da parte vostra avvelersi di un tuttologo ovvero di un professionista che faccia c.d.“la qualunque”, o meglio che dica di fare tutto , pur di accaparrarsi il cliente di turno .

Oggi, con le riforme legislative quasi quotidiane , senza criterio, con maxiemandamenti che vengono pubblicati la notte, nei settori più disparati , non è più possibile far tutto o meglio il tempo che ci vorrebbe per essere aggiornati , distoglierebbe l’attenzione dal caso concreto .

Quindi in primo luogo, avvaletevi sempre di un esperto del settore o di un legale che per lo più svolga l’attività in quel campo, per fare solo alcuni esempi, ritornando a quelli summenzionati :

  • vi hanno pignorato un immobile ? Sicuramente non andrete da un avvocato che svolga prevalentemente una attività in diritto amministrativo ovvero in penale .

  • Se siete stati colti in flagranza di reato , già il termine stesso vi dovrà indurre a ritenere che il professionista di riferimento non sarà un civilista ma un esperto in ambito penale .

Ci sono poi , studi legale che al proprio interno si avvalgono di professionisti esperti in un determinato campo, in questo caso la riflessione poc’anzi accennata , non vale anzi, potrebbe essere meglio.

Entriamo in un ambito discrezionale: personalmente, se mi dovesse capitare una questione legale e borderline, come ad esempio ilfallimento della mia società ovvero l’ipotesi di mettere in liquidazione la mia ditta, la domanda da farmi in questo caso sarebbe, a quale professionista rivolgermi?

Ad un commercialista?

Un avvocato che fa solo diritto societario ?

Ad un avvocato penalista ?

Sappiate che la risposta a queste domande non è semplice,

in quanto la scelta potrebbe essere il più delle volte sbagliata ….

Mi spiego meglio, nell’esempio poc’anzi accennato, nell’ipotesi di un fallimento in vista o peggio ancora in un fallimento dichiarato, è sempre bene intanto avvalersi della consulenza di un commercialista che possa inquadrare meglio la situazione; sappiate poi, che il fallimento di per sé provoca una serie di conseguenze inibitorie: di carattere civile , commerciale ma peggio ancora, penale….

Dopo la dichiarazione di fallimento di una società, la medesima viene trasmessa alla procura della repubblica che ha il compito di valutare se vi siano o meno ipotesi di reato: se si ravvisino ipotesi di bancarotta.

Tutto questo per dirvi, che semmai abbiate a che fare con ipotesi legali borderline, come quello suggerito , uno studio legale potrebbe fare al caso vostro.

Anche in questo caso, l’offerta è molto ampia, ma sappiate che gli studi legali più attrezzati hanno un campo di azione molto più ampio : al proprio interno lavorano più professionisti che in genere si occupano di uno specifico settore in altri termini, potreste trovare studi che si avvalgono della competenza trasversale di molti professionisti come appunto commercialisti, geometri, notai, investigatori privati.

Se da un lato, ciò serve a coprire il maggior numero di richieste e soddisfare il più possibile la domanda del mercato, dall’altra, serve a rispondere con maggiore accuratezza a fattispecie border-line che se valutate in team potrebbero essere risolte prima e meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *